OXO Collection

Contatti

Tra tradizione e contemporaneità: la mostra di Keane alla OXO Gallery a Barga

Articolo di Jacopo Suggi – Livornosera.it

BARGA – Barga, posta tra la valle del Serchio e le montagne della Garfagnana, è insignita del titolo dei uno dei borghi più belli d’Italia. Le sue bellezze naturalistiche e culturali hanno attirato nel tempo una vivace comunità artistica. Interessata però anche da continui flussi turistici, l’offerta artistica è finita spesso per scadere nel mercimonio, numerose botteghe espongono pittoresche vedutine e paesaggi, di quelle buone per tutti gli stomaci, che si trovano in sogno borgo toscano rispettabile. L’arte finisce per diventare un piacevolissimo e colorato arredo in mille vetrine.

Fortunatamente si può incappare anche in operazioni artistiche di alto livello, azioni capace di osare, indagare, stupire o perfino indignare, che nel bene o nel male non lasciano indifferente, agiscano dentro o contro di noi e solo così possono pretendere di essere elevate a rango d’arte. Ne è un esempio la mostra di Keane alla OXO Gallery (via di Mezzo, 21) intitolata Spiritum e aperta fino al 26 settembre.

L’intera esperienza di mostra è indotta al raccoglimento: appena varcata la soglia della galleria la porta si chiude dietro il visitatore creando un ambiente estraniato dal cicaleggiare della piazza, che rimane ovattato mentre tutto lo spazio colorato per l’occasione di nero e le luci soffuse concorrono a richiamare un’atmosfera fra cripta e chiesa. L’effetto è voluto, del resto Keane ha deciso di esporre in mostra agli esiti della sua ricerca durata oltre un anno sulle maestaine, tradizione locale devozionale.

La maestaine è il nome con cui sono conosciute le edicole o cappelle votive in Garfagnana, così chiamate poiché spesso contenenti l’immagine sacra della Madonna. Sono poste nei luoghi dove tradizione vuole siano accaduti episodi miracolosi, scampati pericoli, o su sentieri, strada, incroci e al limitare dei campi, per appellarsi alla protezione divina contro le forze maligne, anche se poi avevano spesso anche scopi squisitamente pratici quello di segnalare percorsi o limiti territoriali.

Continua a leggere….

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *